Chi Siamo

MAURIZIO ROVERI, giornalista professionista. Nato il 26 novembre 1949. Redattore di Stadio dal 1974, e successivamente del Corriere dello Sport-Stadio, fino al gennaio 2004. Iscritto nell’Albo dei giornalisti professionisti dal luglio 1977. Responsabile del basket nella redazione di Bologna, e anche del pugilato. Caporubrica al Corriere dello Sport-Stadio del baseball, sport seguito fin dal 1969 come collaboratore di Stadio. Inviato ai campionati mondiali di baseball del 1972 in Nicaragua, del 1988 in varie città d’Italia, del 1990 a Edmonton in Canada, del 1998 in Italia, nonché alle Universiadi di Torino del 1970 e ai campionati Europei del 1971, del 1987, del 1989, del 1991, del 1999. Dal 2004 al 2007 collaboratore del quotidiano “Il Domani di Bologna” per il baseball, il pugilato, la pallavolo.

STEFANO ARCOBELLI, 46 anni, giornalista professionista. Da ventuno anni è redattore del più importante giornale sportivo d’Italia, la Gazzetta dello Sport. Caporubrica per gli sport olimpici nuoto, sci di fondo, baseball. Ha seguito, come inviato, 4 Olimpiadi. Nonché diversi campionati Mondiali ed Europei di varie discipline: boxe, canottaggio, canoa, baseball, slittino, biathlon, snowboard.
Stefano Arcobelli ha cominciato la professione di giornalista mentre studiava Scienze Politiche ed è stato assunto nel 1987 dalla Gazzetta dello Sport alle edizioni regionali di Roma.
Redattore di calcio dal 1989 al 1994, si è successivamente dedicato agli sport olimpici.
Tiene anche delle conferenze su argomenti sportivi. Recentemente, al Corso di Laurea in relazioni pubbliche e pubblicità dell’Università IULM di Feltre, Stefano è stato invitato a tenere una conferenza sul tema: “Emozioni: vero linguaggio per lo sport?”.
Il Comitato regionale veneto della FISI gli ha assegnato il Premio “Fair Play” in segno di riconoscimento per il suo prezioso lavoro nel raccontare e promuovere gli sport invernali.
Arcobelli è profondo conoscitore di baseball, avendolo praticato da ragazzino. Addirittura fin da quando aveva 6 anni, nelle giovanili dei Warriors Paternò (ruolo: esterno). Un amore per il Gioco della mazza e del guantone che Stefano ha evidentemente trasmesso al figlio Sergio, 16 anni, giocatore nelle Giovanili del mitico Milano Baseball.

MARIO BRUNO , giornalista professionista, una “penna storica” del baseball italiano. Mario nasce a Torino il 6 febbraio 1946 e “vive” – giornalisticamente parlando – di sport praticamente da sempre, entrando a Tuttosport all’età di 16 anni e lavorando per il quotidiano sportivo torinese fino al 2001, come redattore capo. Inviato Olimpico, ha seguito ben 4 edizioni dei Giochi ed è specializzato in boxe (da Alì a Tyson, 25 volte a Las Vegas), scherma, baseball, basket e ippica. Si è dedicato anche al calcio diventando direttore di Hurrà Juventus per 3 anni, e parimenti direttore della rivista “Dai, Ippica”. Non solo giornalista. Mario Bruno lo sport lo ha anche intensamente praticato. Portiere sino alla prima categoria, giocatore di basket in serie D, giocatore di baseball in serie B. E nel trotto gentleman per quasi un trentennio. Uno sportivo totale. Nel baseball è immerso praticamente da sempre, prima come giocatore della Juventus (il babbo è stato presidente del Club torinese per 17 anni), poi come dirigente ai tempi di Bruno Beneck, infine come presidente da 10 anni rilevando le ceneri di una società che lottò per lo scudetto e che in questo 2008 ha la pretesa di disputare il campionato di serie B come protagonista. Mario Bruno è papà di 3 figli, i due maschi hanno indossato i colori della Juve98 e Dario è attualmente il “prima base” della prima squadra.

FILIPPO FANTASIA, giornalista, nato il 10 agosto 1964 in quel territorio (Anzio e Nettuno) dove il baseball italiano ha cominciato la sua avventura. E dove la gente parla… all’infinito di strike, di ball, di fuoricampo, di doppio gioco, di batti e corri, con la stessa naturalezza con la quale nel resto d’Italia si discute di calcio. Logico che un ragazzo dinamico come Filippo sia cresciuto affascinato, rapìto dalla raffinata bellezza di questo Gioco, fino a diventarne una delle “penne” più apprezzate. E non soltanto in Italia. Rob Manfred, Vice Presidente della Major League Baseball, gli ha concesso un’intervista esclusiva sulle nuove norme antidoping come pure il sindaco di Boston, l’italoamericano Tom Menino, che gli rilasciato una dichiarazione dopo il nuovo titolo vinto dai Red Sox. Giornalista pubblicista dal 1987, Filippo Fantasia dal 1992 collabora regolarmente con quotidiano “Il Giornale” raccontando – in particolare – strorie, fatti e personaggi della Major League, del baseball internazionale e italiano. In precedenza aveva collaborato con “Tuttosport”, seguendo diversi campionati Europei e Mondiali. E’ stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, il sito del quale ha recentemente assunto la Direzione. Nell’ottobre 1997, durante le finali per lo scudetto, ha curato il primissimo “play by play” del baseball italiano in diretta su Internet. Le diverse esperienze giornalistiche, compresi i rapporti instaurati a Boston con le redazioni del Boston Globe e del Boston Herald, gli hanno permesso di approfondire molti aspetti legati al mondo della comunicazione. Che è diventato il suo ambiente di lavoro principale. Da anni svolge a tempo pieno attività professionale di Media Relations . Dopo aver lavorato negli uffici stampa di Telecom Italia ed Edison, attualmente Filippo Fantasia è Responsabile Media-relations di SIA-SSB, importante società che è il provider tecnologico al servizio del sistema finanziario internazionale.

FRANCO LUDOVISI, tecnico, nato il 27 dicembre 1935. Personaggio “storico”: è nel baseball da ben cinquantasette anni. Come giocatore dal 1951, poi da giocatore-allenatore e successivamente da manager. Una vita sui “diamanti”. Possiede un record del quale è molto orgoglioso: è stato il primo lanciatore della Nazionale italiana ad aver vinto una partita internazionale lasciando a zero la squadra avversaria (Italia-Spagna 11-0 nel 1959 a Trieste). Franco Ludovisi, inoltre, ha fatto parte della squadra azzurra che per la primissima volta ha sconfitto l’Olanda (Utrecht, 22 agosto 1959). Una grande vocazione per l’insegnamento, il notevole carisma e la capacità di interpretare tatticamente le partite lo hanno portato prestissimo al ruolo di manager, facendo contemporaneamente il giocatore. Ludovisi insegna baseball da oltre mezzo secolo. Attualmente fa parte dello staff tecnico del Castenaso.

GIANNI LERCKER, ex campione della Fortitudo e della Nazionale. Nato il 27 settembre 1944. Lanciatore tra i più forti nella storia del nostro baseball. Pitcher della Fortitudo Bologna dal 1962 al 1974 e poi dal 1978 al 1980. Con il club biancoblù ha vinto 4 scudetti (1969, 1972, 1974, 1978) e 1 Coppa dei Campioni (1973). In 1423 inning lanciati ha confezionato 1047 strikeout. La sua statistica-vita parla di 2.75 di media PGL (punti guadagnati sul lanciatore) e un ottimo 70% di partite vinte. E’ stato oscar del baseball, come miglior lanciatore, per la stagione 1971. Quell’anno, in campionato, Lercker firmò 19 vittorie e 181 strikeout. Gianni era già stato “il re dello strikeout” nella stagione 1969 (anno del primo scudetto della Fortitudo, targata Amaro Montenegro) quando ne aveva confezionati 108. Altro anno ruggente il 1972, ancora 19 partite vinte sul monte del club biancoblù. Lercker vanta 32 presenze in Nazionale. E’ socio onorario della Fortitudo Baseball. Professione: insegnante universitario in materie che fanno riferimento alla chimica dell’alimentazione (Facoltà di Agraria).

ROBERTO CARAMELLI, nato l’8 agosto 1955. Entrato nel mondo del baseball nel 1976 dopo aver conosciuto un campione come Ricky Matteucci. E’ il web designer del sito della Fortitudo Baseball Bologna. Ed è la “voce” del Gianni Falchi: speaker dal 1999 delle partite interne della Fortitudo. Caramelli è noto e apprezzato per la caratteristica di cantare “dal vivo” – al seventh inning stretch – la famosa “Take me out to the ball game”. Tifoso dei New York Yankees. Professione: bancario. Ama la musica (suona e canta nei Central Unit) e la montagna (Val Pusteria).

MARCELLO PERICH, ex-giocatore e allenatore. Nato il 25 giugno 1939. Ha giocato dal 1955 al 1971, nelle posizioni difensive di seconda base e di esterno centro. Cominciando dalla serie C, poi la massima serie con le Calze Verdi Casalecchio, due stagioni di B e tre di serie A con la Fortitudo dal 1961 al 1965 (avendo per compagni di squadra futuri campioni come Gianni Lercker, Stefano Malaguti, Carlo Morelli, Publio Vasquez). Chiudendo infine l’attività agonistica in serie D come giocatore-allenatore della Ceramital. La carriera di tecnico lo ha visto in scena dal 1967 al 1971. Un romantico del baseball. Profondamente innamorato di questo sport (al quale ha dedicato un bellissimo manoscritto che è in attesa di pubblicazione), Marcello Perich è sempre presente allo stadio Gianni Falchi, rigorosamente seduto sulla poltroncina numero 10, dietro casabase.

21 responses

16 01 2008
ENRICO

Ho visto con particolare interesse questa iniziativi, e Vi faccio anzi ci facciamo un grande in bocca al lupo!!!
Spero che questo forum diventi un punto di incontro e scambio di opinioni per tutti noi amanti del vecchio gioco
BRAVI!
Enrico Vaccari
Sasso Marconi
3393722844

16 01 2008
Mauro

Sono emozionato! Quando ho letto che Maurizio Roveri ha intrapreso questa iniziativa di creare questo sito dove poter leggere di baseball mi sono emozionato, di colpo mi sono tornati in mente gli anni ’70, quando finita la partita del sabato sera si andava alla Stazione di Bologna per compare i giornali freschi di stampa con gli articoli di Mongiorgi e del giovane Maurizio Roveri con le versioni “contrapposte” su quanto accaduto in campo. Dico questo per far capire ai più giovani a che livello di interesse fosse arrivato il baseball in Italia.
Di certo la passione per questo Sport in tante persone non è mai calata e ben venga questa iniziativa.
Un grosso, grosso in bocca al lupo a Maurizio Roveri!
Mauro Paglioli

17 01 2008
claudio

un augurio di buon lavoro per questa interessante iniziativa,certo,il baseball in italia appartiene a poche isole felici,non c’e’propaganda,solo qualche iniziativa a livello cittadino,e questo dispiace,perche lo sport,e’sinonimo di cultura,a prescindere da che sport sia.
spero solo che il batti e corri,negli anni a seguire,venga valorizzato al punto giusto,ed iniziative come queste,non possono far altro che valorizzare la mia ipotesi.
a grosseto qualcosa pare stia muovendosi,con la sponsorizzazione dell’istituto montepaschi siena,c’e’il progetto di costituire una franchigia,facente capo al bbc,con tutte le relative squadre minorili a far da serbatoio(roselle,castiglione,aquile)et.etc.
augurandovi un buon lavoro,vi porgo i miei piu’sentiti auguri

claudio alessi

17 01 2008
Gianluca Regazzi

Volevo cogliere l’occasione per salutare uno degli allenatori con cui ho avuto la possibilità di imparare a giocare a baseball.Sono un giovanotto del 64 ho giocato a Castenaso negli anni in cui la prima squadra arrivava in serie A e si chiamava Autovanti.Se tutti gli allenatori fossero competenti,entusiasti ed impegnati come ricordo Franco il livello di gioco non sarebbe così tanto calato da allora.Ciao “Ludo”.
La cosa straordinaria del baseball è che se come faccio io a volte metti in fila 10 bambini con una mazza e gli tiri una palla insegnandogli un minimo come battere dopo mezz’ora la fila è triplicata!E’ un gioco fantastico e pulito,che aiuta a crescere anche psicologicamente ma quando si è al dunque i bambini vengono poi dirottati a fare altro,calcio o basket.Non è un mistero,è solo questione di soldi e tv e giornali.Nella società moderna se di un’attività non se ne parla e non veicola denaro semplicemente non esiste.Se non ci alzeremo dal divano per vedere i nostri figli giocare e possibilmente a baseball(ma lo si deve diffondere nelle scuole a pari dignità degli altri)o tutto resterà così come lo vediamo ora,più che sport,un business.Per mia somma fortuna a 10 anni mi sono trasferito da Bologna a Castenaso,cittadina minuscola ma già ben strutturata e con un professore alle medie che dovrebbe a mio parere avere una via intestata o una targa nello stadio di baseball almeno :Giovanni Zibordi.E’ solo grazie a persone come lui che si può sperare di diffondere in maniera costruttiva il baseball a livello scolastico.Ce ne sono ancora in giro ?Ciao “Zibo”.
Kman
P.S.Auguri per il blog !!

17 01 2008
Frignani Daniele

LA VOCE DEI GIOCATORI :In qualità di giocatore e capitano della Fortitudo Baseball Bologna,in accordo con i miei compagni di squadra,vorrei dimostrare il mio più grande appoggio a questa iniziativa.Ne approfitto intanto x salutare Maurizio e gli altri componenti di questo ottimo cast e complimentarmi x questo nuovo “salotto” del baseball…Lele Frignani e la squadra!

17 01 2008
Gualtiero Rosini

Beati gli ultimi…
Carissimi amici, vi faccio un grande “in bocca al lupo”, soprattutto a Maurizio Roveri, firma storica del nostro baseball. Noto con piacere molti nomi illustri nel “salotto” di Roveri, sicuramente non ci annoieremo. Spero un giorno di consegnare a Roveri il premio giornalistico “Gene Casatelli”, trofeo per la stampa specializzata sul baseball, organizzato da me sul mio sito http://www.premiocasatelli.it, vinto nel 2007 da Giancarlo Mangini . Con il mio portale, nato il 18 Aprile 2007 dò anche la possibilità ai giurati del premio di votare il “migliore”. Speriamo quest’anno di poterlo assegnare a qualcuno del “salotto” come lo ha definito Marco Landi-fibs.

18 01 2008
gianlorenzo bernini

una iniziativa fantastica, sicuramente nata dall’amore per uno sport unico come il nostro che sono stanco di veder considerato come sport di serie B. ROMA ( si deve dare una svegliata !) deve essere pronta a darvi qualsiasi tipo di aiuto per rendere sempre migliore questo iniziativa. il baseball è emozione pura, è la vita riportata in un diamante: intelligenza, coraggio, scontro con difficoltà sempre diverse. Sarebbe meraviglioso trasmettere queste sensazioni a nuove leve di ragazzi e ragazze, la nostra società ne guadagnerebbe. Vi abbraccio in attesa di nuovi appuntamenti. grazie

18 01 2008
Massimo Baldazzi

Bene ragazzi ottima iniziativa!
Era ora che qualcuno si muovesse in tale direzione, vi faccio un grande in bocca al lupo per questa iniziativa che finalmente riporterà gli innamorati di questo sport a poter usufruire di un giornalismo di grande qualità.
Ora però mi aspetto i fatti, vogliamo in questo “salotto virtuale” le voci del baseball italiano.
Un saluto a tutti, in particolare al grande Filippo Fantasia.

Massimo Baldazzi

23 01 2008
Fortitudo Giovani

Nel fare i più sentiti complimenti per l’iniziativa, permettetemi un piccolo appunto: non sarebbe meglio mettere in ordine alfabetico l’elenco degli eventi partendo dal cognome delle persone e non dal nome? Mi è capitato di cercare uno di cui non sapevo il nome e ho perso mezzora a controllare tutti i nominativi…
Grazie per la collaborazione
Angelo Baldi

8 02 2008
charlie

Sono un’ appassionata di baseball sin da piccola, cresciuta allo stadio dei Pirati, sono felice di vedere che qualcuno cerca di far conoscere questo bellissimo sport… complimenti

10 02 2008
mariagrazia

E’ un blog molto interessante e piacevole da leggere, complimenti!
Spero venga aperta una porticina anche al softball.

11 02 2008
Maurizio Roveri

Saluto volentieri Angelo Baldi, un campione (grandissimo esterno sinistro) di quell’Amaro Montenegro che mi riporta indietro nel tempo, ai mei primi anni da girnalista, quei primi Anni Settanta quando il campionato di baseball era più spontaneo, più genuino, seguito dal pubblico con maggiore entusiasmo.

E rispondo volentieri a Mariagrazia. Grazie per i complimenti, ma anche per la sensibilità e la competenza con cui ti sei proposta in altri interventi su questo Blog.
Hai ragione per il Softball: merita spazio e approfondimenti. Cercherò di provvedere. Ma tu, intanto, comincia a mandarmi dei servizi. Apprezzo il tuo stile.

12 03 2008
innovatel

[OT] Salve, ho visto il vostro sito e lo reputo interessante. Vi segnalo il mio nuovo progetto http://www.sport-feed.com e sarebbe bello se anche il Vs. sito partecipasse come fonte dati (Feed RSS) – Per maggiori informazioni potete consultare la pagina “il progetto” [/OT]

29 03 2008
Rolando

Buongiorno
da qualche anno gestisco un blog amatoriale dedicato all’under21.
Naturalmente, essendo di Rimini, le notizie che ho arrivano in massima parte dalla mia città e dalla mia squadra, ma il blog è aperto alla collaborazione di tutti e tutti posso scrivere messaggi e/o commenti, inviare foto, video, ecc.
Nel corso del 2007 ad esempio abbiamo avuto la collaborazione di “Leo Polli” del Grosseto che ci ha inviato articoli molto ben fatti sulla sua squadra.

Quest’anno il campionato è nazionale è dovrebbe essere molto più interessante degli anni scorsi. Pertanto invito tutti i diretti interessati a collaborare con il blog.
In questo modo potrebbe diventare d’interesse nazionale e non più solo locale.

Per quanto riguarda il vostro blog complimenti per l’iniziativa che riempie con alta professionalità un vuoto informativo nel nostro piccolo mondo.
Avete ragione… per diventare prof la strada è ancora molto lunga …. ma ognuno può collaborare per aumentare l’interesse verso il baseball.
Al giorno d’oggi l’informazione e la propaganda sono fondamentali per lo sviluppo di qualsiasi iniziativa ma per incentivarle bisogna fare anche vedere che c’è interesse al riguardo.
Spero che i blog aiutino in questo.
Cordialmente
Rolando Renzi

4 04 2008
Mariagrazia

Egregio signor Roveri, la ringrazio per aver inserito parecchi articoli sul softball, come mi auguravo.
Spero che in futuro abbia il desiderio, o l’occasione, di esprimere un suo diretto parere. Nell’attesa le auguro buon lavoro.

5 06 2008
fabrizio pungetti

Caro Maurizio,
vivissimi complimenti per l’iniziativa ma non avevo dubbi conoscendo il tuo amore per il giornalismo e lo sport. Ma per me tu rimani “il giornalista di basket”, quello che sulle pagine (altro nostro amore comune oggi sempre meno identificato con la sua storia) mi ha fatto conoscere, emozionare attraverso le sue vicende, questo sport meraviglioso, e che poi professionalmente ha accompagnato la mia crescita e la mia carriera. Ricordo le tue ore in redazione interminabili, ti si poteva chiamare a qualunque ora ed eri sempre pronto a trovare un po’ di spazio per il nostro basket, e ovviamente il baseball. Ricordo anche le discussioni,quando io chiedevo più attenzione per l’emergente Fortitudo…Che tempi! Siccome purtroppo non potranno tornare (il sogno sarebbe rifare STADIO veramente STADIO), mi piacerebbe che tu proponessi un’iniziativa simile per il basket. Sono sicuro che avrebbe lo stesso successo conoscendo la tua competernza e passione e ne sarei onorato di partecipare, come penso tanti altri che ti stimano. Pensaci. Un caro abbraccio e cordiali saluti, Pungio

16 06 2008
kalle

http://www.lephio.org/2008/06/15/baseball-e-musica-il-nostro-programma-radiofonico

se vi fa piacere ascoltate e propagandate.

lavoriamo anche noi per il baseball

kalle!

1 07 2008
Fidias Rodríguez

Caro Franco, vedo con molto piacere che ancora hai la passione per il baseball, e che insieme a questi altri amatori del baseball state facendo un gran lavoro perchè mantenere vivo uno sport che in un paese che vive per il calcio é un po difficile. Conoscendoti come credo averti conosciuto, so che no lascerai mai di impulsare questo sport che tante soddisfazioni ci portò quando eravamo prima a Casalecchio e dopo a Castenaso. I miei complimenti a te e ai tuoi compagni di questo Double Play. Ricordo con molto affetto te a a la tua famiglia, come i nostri compagni di Castenaso. Un carissimo abbraccio. Fidias

21 08 2008
bollettinodelxv

c.a. Maurizio Roveri

da poco scrivo un mio blog sul rugby che si chiama Bollettino del XV (bollettinodelxv.wordpress.com)
vi scrivo anche di baseball sport a me molto caro.
magari possiamo rimanere in contatto.
sono un pubblicista romagnolo iscritto all’OdG E.R.
saluti e buon lavoiro.

bollettinodelxv@tiscali.it

20 09 2008
Christian Tugnoli

Scusate se vi disturbo, ma noi (http://storiedisport.wordpress.com) stiamo cercando qualcuno che possa scrivere di baseball sul nostro blog. Naturalmente qualcuno a cui piaccia scrivere in linea con lo stile del blog (no attualità, personaggi/aneddoti/match)… non voglio rubare niente a nessuno!

Complimenti per la squadra, comunque! Noi stiamo cercando di mettere su qualcosa di importante… e per ora i risultati non sono male!

10 12 2008
Ernesto Bruns

Partecipai alla fase pionieristica del baseball bolognese fino a tutti gli anni ’50, anche se impegni di studio si rivelarono progressivamente inconciliabili con la pratica di questa attività. Il trasferimento a Milano, una volta concluso il periodo universitario, mi costrinse ad un drastico cambiamento che , se pure positivo nell’ esperienza professionale, mi ha lasciato una struggente nostalgia per la mia città e per tutto quanto è legato ai ricordi della giovinezza ove Il baseball ne occupa buona parte. Tengo a ricordare con affetto e gratitudine particolari, James Larry Strong ed Edward Asprinio . A questi due grandi personaggi ed al primo in particolare, riconosco il merito di un formidabile insegnamento in quanto a fiducia nei propri mezzi, grinta , coraggio, determinazione, reciproca stima e solidarietà con i compagni di squadra ; elementi fondamentali per un valido lavoro d’ equipe , quale in seguito ha quasi sempre caratterizzato la mia carriera di lavoro nella grande industria chimica. Caratteristiche queste, spesso carenti nel comportamento tendenzialmente individualistico nostrano.
Mancando da Bologna da molti decenni non so più nulla dei protagonisti del baseball di allora , se si esclude qualche scarna, indiretta notizia ricavata da internet. So che una risposta potrà contenere tristi notizie, ma se qualcuno mi ricorda e volesse contattarmi, gliene sarei molto grato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: