San Marino da 16 battute valide allo Steno Borghese, ma per Nettuno è una sconfitta ininfluente (3-5) per via del successo del Grosseto al Falchi. Il passaggio alla finale ora passa da una vittoria (ne basterà una sola) nel trittico contro Bologna

17 08 2008

di MAURIZIO ROVERI

I Titani non mollano. Dopo due sconfitte, tornano a gustare il dolce sapore del successo. Lo fanno nella partita del sabato notte allo Steno Borghese. Battono 16 valide, vincono per 5 a 3, soffocando in gola l’urlo dei 2200 fans nettunesi che erano già pronti a far festa. La squadra laziale infatti era in vantaggio (2-1) al settimo inning. Ma il bullpen ha tradito il Nettuno. Anche se va sottolineato che per la squadra di Ruggero Bagialemani si tratta d’una sconfitta ininfluente, per via del risultato del “Falchi” dove Grosseto ha battuto Bologna. Avesse vinto a Fortitudo, il Nettuno battendo San Marino sarebbe entrato in finale. Così, invece, con il successo dei maremmani, il Nettuno deve vincere una delle prossime tre partite contro i felsinei. Gliene basta una. Il programma prevede gara1 mercoledì a Nettuno, con Bagialemani che si affiderà a Richetti e avrà anche un Costantini fresco, risparmiato sabato notte; poi le due gare del week end a Bologna).


Giovanni Carrara, “partente” in gara3 contro San Marino, lancia 5 inning. Non di più. Evidentemente la sua autonomia è quella, il braccio è stanco, o “vecchio”: sta di fatto che il “programma” trcnico del Nettuno prevede per lui un’ottantina di lanci a partita (ne ha tirati 85, dunque programma rispettato). L’ex-Dodgers concede 7 valide, ma subisce 1 punto soltanto. Su fuoricampo di Max De Biase. La partita di Carrara finisce con il match in bilico, punteggio in parità (1-1).

Lui indubbiamente non si spreca più di tanto, è un campione quarantenne che ha più di vent’anni di baseball allle spalle (una decina nel mondo dei marziani, la MLB, dal 1995 al 2005) e pertanto va gestito con molta oculatezza. Da un personaggio come Carrara talvolta i tifosi nettunesi pretenderebbero qualche sforzo in più. Tuttavia, il suo compitino in questo round robin di semifinale lo sta svolgendo decorosamente. Come, appunto, nei cinque inning lanciati sabato. Meno felici sono risultati i i “rilievi” di Carlos Pezzullo e di Mauro Salciccia.
Pezzullo concede 6 valide e 2 pgl in 3 riprese lanciate. Per Salciccia i numeri dicono 3 valide e 2 pgl in 0.1 rl. Chiude Masin e almeno lui non fa danni.

Pezzullo aveva cominciato bene, due inning okay (grazie anche ad un paio di doppi giochi difensivi), poi va in difficoltà sull’ottavo attacco sammarinese (va ricordato che ha qualche problema fisico, attualmente, e che Arias era indisponibile). Con 2 out, concede un singolo a De Biase, un singolo a Rovinelli e un doppio a Sheldon.
Nono inning, tocca a Salciccia. Il quale parte in maniera promettente ottenendo un out, ma si fa sorprendere da Matamoros che gli spara un doppio e manda Buccheri in base per 4 balls. A questo punto semaforo verde per La Fera e per Vasquez, i quali afferrano l’attimo propizio per mettere a segno due singoli. Entrano così altri 2 punti.

Decisamente più positivo il monte di lancio del San Marino. Tiago Da Silva lancia 6.1 riprese, con 5 so, 2 bb, 4 bvc, 2 pgl. Ancora una dimostrazione di personalità del giovane talento italobrasiliano. Il suo “cambio” è fastidiosissimo, in particolare lo soffre Juan Camilo he va 3 volte strikeout. Da Silva lascia il monte a Pedro Orta: chiamato a spegnere un inizio d’incendio, ci riesce molto bene tenendo sotto controllo l’aggressività dei nettunesi nel delicato settimo inning.
Infine la palla passa a Peter Nyari. Ottima chiusura (2 inning, 1 solo pgl), è lui il pitcher vincente.

Impressionano le 16 valide del lineup sammarinese allo Steno Borghese. I più efficaci nel box: De Biase (3 su 4, 1 pbc), Buccheri (3 su 4), La Fera (3 su 5, con 1 pbc), Sheldon (1 su 2, con 2 pbc, Matamoros 2 su 4.

E impressiona l’intensità con la quale sta esprimendosi la squadra allenata da Doriano Bindi.

E’ un San Marino che, arrivato nei playoff con il quarto posto in regular season, sta facendosi rispettare in questi girone di semifinale. Il trittico in arrivo, contro Grosseto, sarà decisivo. Come una semifinale secca. Le due squadre sono alla pari: 3 partite vinte, 3 perse. E inseguono il Nettuno che è al comando con 4-2.

Il team laziale di Bagialemani incrocia, da mercoled’, la Fortitudo Bologna che è… caduta in disgrazia dopo aver dominato la regular season. Al Nettuno sarà sufficiente una vittoria per balzare in finale e presumibilmente ce la farà (difficile ipotizzare, in questo momento, un 3-0 di Bologna). L’altra finalista uscirà dallo spareggio fra i maremmani e i Titani (mercoledì a San Marino, venerdì e sabato allo Jannella).


Azioni

Information

One response

18 08 2008
Alfredo

Caro Maurizio…se il Grosseto o il San Marino arriveranno in finale, debbono ringraziare il Sig.Giovanni Carrara,che contro i maremmani li ha rilanciati facendoli vincere nella 3a partita,quando erano letteralmente a pezzi. Aveva lanciato 6 inning e 56 lanci,poteva andare avanti e dare la botta definitiva al Grosseto,riprendendosi quello che sempre lui aveva concesso allo stesso Grosseto l’anno scorso nella 7 gara di Finale, invece il Sig.Giovanni dà la sensazione d’essere un mercenario e basta: fa il suo compitino (come lo definisci tu) e quando il gioco si fa duro….lui non c’è…..non sta aiutando la squadra. Anzi in questi play off dove tut, e dico tutti, i giocatori del Nettuno stanno dando il 200 per 100,lui che dovrebbe fare la differenza…….la sta facendo ma… al contrario. Non è un caso che le uniche 2 partite perse nei play off sono proprio le sue. Per me potrà anche tornare ma non sarà mai un giocatore da amare,deciderà il Dott. De Carolis ma io caro Giovanni Carrara non ti ricorderò come uno dei grandi del Nettuno. Grazie a tutti gli altri ragazzi per le emozioni che ci state dando,vi saremo sempre vicini,manca ancora poco,una partita e poi torniamo a giocarci il titolo. Contro chi non ha nessuna importanza,noi andiamo per la nostra strada.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: