IBL, le notturne di giovedì: la capolista Bologna vince 4-1 a Nettuno riportandosi a +4. Clamoroso all’Europeo: Cariparma travolto, distrutto dal Godo. Grosseto passa a Rimini. Facile per il San Marino

18 07 2008

di MAURIZIO ROVERI

Milletrecento spettatori allo “Steno Borghese”, trecentocinquantuno allo stadio Europeo di Parma. Non ci sono dubbi su quale fosse la sfida più coinvolgente, quella capace di catturare più interesse. Infatti Nettuno-Bologna, superclassica del baseball italiano, ha proposto una partita spettacolare, dalle forti emozioni, intensa, piena di pathos, costantemente sul filo del rasoio fra due squadre che si sono date battaglia.

Una gara caratterizzata da un potente impatto nettunese sul match (primo inning: basi piene, zero out, nessun punto ma una chiamata che ha fatto molto discutere da parte dell’arbitro di prima base; secondo inning: singolo di Imperiali, doppio di Ugueto, per l’1-0) e successivamente firmata dal gran fuoricampo da 3 punti di Juan Pablo Angrisano che alla sesta ripresa ha lanciato Bologna. Completamente cambiando il destino dell’incontro dopo il pareggio di Bautista.

Match splendido fra la capolista bolognese, grande interprete di questa regular season, e la sua più agguerrita inseguitrice (tornata a 4 lunghezze di distacco). La Fortitudo ha vinto battendo di meno, soltanto 5 valide. Ha tuttavia avuto il merito di afferrare l’attimo fuggente, raggruppando quattro delle sue cinque valide nel corso del sesto assalto: singolo di Bautista, bunt di sacrificio di Pantaleoni per far avanzare Bautista in seconda base, battuta utile di Liverziani per mandare Bautista in terza, singolo un po’ fortunosetto di Austin (con la pallina che lenta lenta ha camminato lungo la linea di foul, verso la terza base, ed è rimasta dentro trasformandosi in una valida interna), Austin salvo in prima, l’opportunista Bautista a punto. Singolo, al momento giusto, di Mazzuca.
Il punto subìto e immediatamente il singolo di Mazzuca hanno probabilmente innervosito o tolto qualche certezza a Nelson Cruz, che ha poi concesso ad Angrisano di sparare la palla oltre la recinzione. Per il 4-1 bolognese.
Quando nel settimo attacco nettunese Castrì ha colpito duro confezionando un doppio al centro e arrivando in terza per errore di Pantaleoni (che peraltro ha giocato un’ottima partita), e poi a Ugueto è stata concessa una base su ball, il manager bolognese Marco Nanni non ha esitato a far scendere un Matos già un attimino in affanno (109 lanci). Bene ha fatto Nanni ad affidarsi in quel momento delicato a Fabio Milano per chiudere senza danni l’inning. Missione compiuta. Sotsnto dopo il manager fortitudino ha inserito il rilievo naturale di Matos, cioè l’imprevedbile Martin Vargas, che qualche brividino l’ha fatto correre ma alla fine ha chiuso alla grande.
Trentesima vittoria stagionale per la Fortitudo Bologna, la squadra che è in testa alla classifica da aprile, ma che… non va mai in Tv (una volta soltanto in tre mesi di ottime prestazioni. Eh, sono i misteri del baseball italiano).

Hanno detto, in Federazione, che la squadra del momento è il Cariparma. Mandando – di conseguenza – le telecamere della Rai allo stadio Europeo. Ma il Cariparma… non c’era. Nel senso che in campo si è visto soltanto il Godo. Tonico, reattivo, intenso, aggressivo, concreto. Complimentissimi. Sembravano i Goti della Romagna quelli in lotta per un posto nei playoff, e invece dovrebbe essere il Parma. Ma ieri sera i giocatori di Gerali chissà dove avevano la testa! Bravi sicuramente i Goti, però hanno giocato da soli. Il Cariparma? Non pervenuto. Una sconfitta di queste dimensioni (3-13) è sconcertante. Assurda. Inammissibile. Non ha giustificazioni.
Gli emiliani sono stati clamorosamente traditi dai loro lanciatori stranieri. Impresentabili, inguardabili. Uno scandalo Hector Mercado: in 4.1 riprese lanciate, 4 basi su ball, 8 valide concesse e 8 pgl! Ha subìto fuoricampo da Messineo immediatamente in apertura di gara e fuoricampo da Sanchez). Decisamente infelice anche il rilievo di Josmir Romero, con i suoi 5 punti subiti (4 pgl) in 2.1 rl. Pure lui ha dovuto incassare un homerun, confezionato dalla mazza di Lockwood.
Tempestoso Danilo Sanchez, che un gran battitore non lo era mai stato ma che ha fatto il fenomeno contro Mercado e Romero: 4 su 5, con 4 rbi. Nel “batting practice” dei Goti anche un 3 su 4 (e 3 punti battuti a casa) da parte di Roberto Toniazzi.
Ancora una partita vinta sul monte da Ryan Baerlocher, con il solito sicuro rilievo di Kyle Collina.
Il Cariparma con questo imprevedibile KO ha un piede fuori dai playoff, perché il San Marino ha vinto gara1 a Ronchi dei Legionari contro Redipuglia riprendendosi energicamente il quarto posto. Nell’occasione la squadra del Titano ha ripresentato sul monte, come rilievo di Estrada, il recuperato Figueroa. Difficile pensare che i sammarinesi si facciano sorprendere nelle altre due partite in Friuli Venezia Giulia, stasera e domani sera.

Emozionantissima, per il suo punteggio stretto, la partita della Casa dei Pirati fra Rimini e Grosseto. Fantastico duello fra i superlanciatori Gustavo Martinez e Lincoln Mikkelsen. Sette inning con il punteggio inchiodato sullo zero a zero. I maremmani campioni d’Italia in agguato, pronti a sbucare fuori dalla siepe per graffiare la pelle della Telemarket. Ci sono riusciti, sul loro ottavo attacco: 4 battute valide (triplo di Nunez, singolo di Dallospedale, singolo di Jairo Ramos, volata di sacrificio di Bischeri), 3 punti. Grosseto ha battuto il doppio (10 valide contro 5) e ha meritato il successo. Rimini in attacco non ha avuto niente da Melo, Chiarini e Alexander. I playoff? Illusione.

Italian Baseball League – I risultati delle gare di giovedì sera, gara1 della sesta di ritorno
Redipuglia-T&A San Marino 1-9;
Telemarket Rimini-Montepaschi Grosseto 0-3;
Cariparma-De Angelis Godo 3-13;
Danesi Nettuno-Fortitudo Bologna 1-4
.
Classifica: Bologna 811 (30-7); Nettuno 702 (26-11); Grosseto 649 (24-13); San Marino 594 (22-15); Parma 568 (21-16); Rimini 486 (18-19); Godo 162 (6-31); Redipuglia 027 (1-36).


Azioni

Information

5 responses

18 07 2008
Green manalishi

Il bello del baseball è che una settimana prima ti fa fare le lodi di una squadra, che regolarmente la settimana dopo ti smentisce.
Bello e avvincente, peccato solo che in un sport nato per giocare quasi tutti i giorni dai primi di aprile a ottobre, da noi in 4 mesi sia già finita la fiera. A me il baseball piace da anni, più di una volta mi hanno proposto di fare sponsorizzazioni sotto varie forme, ma non me la sento di mettere soldi in un campionato con sole 8 squadre, e che mi da una finestra di visibilità minima nel corso dell’anno.

19 07 2008
Maurizio Roveri

Parole sante.

20 07 2008
Leonardo Schianchi

Ero ha vedere la partita giovedì sera e vi posso assicurare che il Godo ha ampiamente meritato la vittoria. I lanciatori di Parma non mi sono sembrati così deludenti come molti commenti possono far credere. Il fatto è che i ravennati erano in forma strepitosa, con un signor lanciatore straniero, un otttimo catcher ed un Lockwood all’esterno centro straordinario. Anche gli italiani sono stati magistrali, da Fuzzi in terza a Toniazzi all’esterno dx hanno dato spettacolo davanti alle telecamere della Rai. Impropriamente, a mio modesto avviso, dirottate all’Europeo e non a Nettuno dove era di scena il big match tra i locali e la capolista Bologna.
Convengo dunque che non esista nessuna strategia di marketing nel promuovere il nostro sport, nemmeno nelle poche e mal gestite finestre che ci vengono concesse dalla televisione pubblica.
Ma che dire, caro Maurizio, del mortificante quarto posto agli Europei Cadetti.
Lo scorso anno per mascherare la debacle all’europeo che valeva il lasciapassare olimpico , ci si affrettò a magnificare la vittoria nell’europeo juniores. E adesso…..come la mettiamo in Federazione?
Dove sono i nuovi talenti, su cui si dovrebbe investire, per lanciare la lega professionale e relative franchigie.
Dove sono gli allenatori e gli istruttori che potrebbero far fare il salto di qualità a questi ragazzi?
Il livello del massimo campionato e relative serie inferiori sta rovinosamente scivolando verso il basso.
Una vittoria ottenuta ad un Mondiale contro gli Usa, ottenuta non si sa come, non può mascherare l’improvvisazione di tutto un movimento.
Saluti, caro Maurizio, aspetto il tuo punto di vista.

20 07 2008
D G Grosseto

Caro Schianchi, hai dimenticato una voce molto importante: i dirigenti.
Servono dirigenti appassionati con voglia di fare: perchè senza coordinazione
e programmazione i talenti si spengono gli istruttori si scocciano e tutto
va a farsi benedire.
La federazione se vorrà veramente arrivare al professionismo dovrà guardarsi
bene dentro perchè con i funzionari incompetenti che sono al suo interno, e
che seguono solo le regole delle amicizie e dei favori, andrà poco lontano.
Ma è l’organizzazione stessa degli organi federali che cosi com’è non potrà
reggere il peso organizzativo.
Venti anni fa circa fu proposto dalla dirigenza del Grosseto, presidente
Armando Falconi, la nascita delle franchigie (franchigie vere, aperte fra le
varie squadre di appartenenza), la nascita delle lega, ma andò tutto in fumo
per l’ostilità riservata alla proposta dall’allora presidente federale e dalle
maggiori società.
Al motto di costa meno un oriundo di un giocatore italiano
siamo passati alla composizione delle squadre che era a base italiana con
l’aggiunta di qualche straniero e di qualche oriundo alla attuale composizione
che è a base oriunda e straniera con qualche italiano.
E’ il prezzo pagato all’abolizione della Primavera e mi sembra che tutto sommato abbiamo retto anche troppo.
Prima della televisione, prima degli sponsor, deve essere creata una dirigenza
semiprofessionale e poi verrà il resto. Non è nè una cosa semplice nè una cosa
facile e si è visto che la federazione, forse accortasi di questa mancanza, aveva
organizzato dei corsi. Poi sospesi per mancanza di iscrizioni. Per me questo è
il primo problema da risolvere.

20 07 2008
Leonardo Schianchi

Sono assolutamente d’accordo, amico grossetano ( anche se mi piacerebbe saper nome e cognome, così per correttezza). I dirigenti veri e appassionati ci sono o ci potrebbero essere. Ma le varie prebende che vengono distribuite per mantenere le rendite di posizione, non facilitano nè l’ingresso di nuovi personaggi potenziali dirigenti, ne’ agevolano il normale e fisiologico ricambio sia tecnico che dirigenziale.
Falconi fu un ottimo dirigente, non c’è dubbio, come lo sono Zangheri e De Carolis e lo era Notari, senza dimenticare quel megalomane di Beneck che tanti oggi rimpiangono. Ma fino a quando un presidente federale non farà fuoco e fiamme per portare Milano, Roma, Firenze e Torino nella massima serie…….non ci sarà speranza, credimi. Le realtà come Godo, S Marino, Avigliana, Collecchio e Paternò, sono sì importanti e vanno valorizzate. Ma quante volte si sono lasciate auto-retrocedere piazze importanti, senza che la Federazione si adoperasse per trovare sponsor adeguati. In soldoni, se io fossi il Presidente e vedo una squadra come Milano o Firenze traballare…..mi precipito e cerco di sensibilizzare tutta la gerarchia politica e imprenditoriale di quella realtà per farla continuare ad esistere.
Di più. Mi sono sempre chiesto: come mai una federazione non riesce a trovare uno sponsor per l’intero campionato…che ne so……Italian Baseball League…coppa Nutella Ferrero… oppure coppa banca Intesa San Paolo…. meglio ancora una bella birra Nastro Azzurro………troppo difficile andare a chiedere? Magari con un pò di modestia e qualche punto di riferimento politico….. si farebbe il bene di questo sport, che come dici Tu, vive di molte amicizie e poca professionalità.
Cordialità vivissime

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: