IBL, penultimo turno di regular season: sprint per i playoff (battaglie intense fra Rimini e Grosseto), ma il clou è Nettuno-Bologna che vale il primo posto e che farà il pienone allo Steno Borghese

17 07 2008

di MAURIZIO ROVERI

Il sito della Fibs, dopo avere messo in secondo piano per buona parte della settimana con uno… strano concetto giornalistico la supersfida fra Nettuno e Bologna che vale il primo posto, finalmente ha deciso di parlare anche di questo trittico che è in programma in riva al Tirreno e che farà il pienone allo Steno Borghese (ci sarà più pubblico qui che altrove). Finalmente il sito Fibs definisce lo scontro Nettuno-Bologna il “clou” del penultimo turno di IBL. Meglio tardi che mai…

E allora è legittimo l’interrogativo: se questa sfida rappresenta il clou, cioè “il meglio”, perché non è stata scelta da mandare in Tv? Gara1, proprio la partita di questa sera (quella dei lanciatori stranieri), si annuncia estremamente spettacolare e avvincente.

Si ripete spesso che occorre “vendere” meglio il prodotto baseball… e si rinuncia a mostrare il match fra le prime due in classifica. Presidente Fraccari, intervieni: questo è un controsenso, una contraddizione.

In regular season si deve cercare, nella programmazione televisiva, di accontentare un po’ tutti. D’accordo. Ma entro certi limiti dettati dal buon senso. Poiché si deve tener conto anche dell’audience, è evidente che conviene fare entrare nelle case degli italiani del buon baseball: il prodotto dato verrebbe maggiormente apprezzato. Mi sembra un ragionamento così ovvio…
Se poi alla Fibs interessa principalmente tenersi buoni determinati sponsor, allora mi sorge il sospetto che abbiano ragione certi appassionati (lettori e telespettatori) i quali nei loro commenti ritengono che in realtà alla Federazione non interessi più di tanto la IBL…

C’è Cariparma – De Angelis Godo questa sera in televisione, su Rai Sport Più. Se la troupe che deve fare le riprese viene da Milano (ma non ne sono certo…) è sicuramente più comodo – con questo caldo – fermarsi a Parma anziché sobbarcarsi un lungo viaggio fino a Nettuno. Per una questione di rispetto, non voglio neppure pensare che sia questa la motivazione (o uno dei motivi) per la scelta dello stadio Europeo. Si vuole festeggiare Roberto De Franceschi per le sue 1500 battute valide? Chiaro, è un’impresa, ma non mi pare che sia un valido motivo per mandare in Tv il Godo. Ci saranno altre situazioni per celebrare il record del bravissimo De Franceschi.

Mi dicono: Parma è la squadra del giorno. Indubbiamente Parma è formazione brillante, in forma, diretta bene, squadra che mi è anche simpatica perché è la “più italiana” del baseball italiano.
M allora, la capolista Fortitudo che ha dominato il campionato dal 19 aprile fino a gara1 della settimana scorsa (11 luglio) e che è tuttora al comando con 3 lunghezze di vantaggio, va considerata la “squadra della regular season”.
Ebbene: quanti passaggi televisivi ha avuto la squadra che per mesi ha prodotto il miglior baseball d’Italia? Uno. La capolista Fortitudo in Tv esattamente come il Redipuglia.
E il Nettuno secondo in classifica, ancora in corsa per il primato? Soltanto un’apparizione in più dei bolognesi: due.
Il Cariparma, chissà perché, stasera va in televisione per la quinta volta (la quarta nello spazio di 42 giorni!). Ha dei santi in paradiso, evidentemente… Il Godo penultimo in classifica ci va per la terza volta, esattamente come il Montepaschi: con la differenza che Grosseto è il club campione d’Italia in carica. Quattro le apparizioni televisive del San Marino.

Mi verebbe da dire che la Fibs fa quel che le pare. E non conta neanche chi fa il baseball migliore. Si potrà obiettare: tanto Fortitudo, Nettuno, Grosseto avranno maggiori opportunità nei playoff. Può darsi (se ci arriva Parma… ho qualche dubbio). Questo cosa significa: che la regular season non conta niente? O che la regular season serve principalmente per accontentare gli sponsor?
Giusto dare opportunità a tutti. Ma io credo che chi propone il prodotto migliore (cioè chi confeziona un baseball di più alta qualità) meriti di andare più volte in tivù. Meriti maggiore visibilità. Sia che si tratti di regular season, sia che si tratti di playoff. Per coinvolgere, appassionare maggiormente i telespettatori. E “catturare” eventualmente nuovi appassionati.

Sono certo che Parma e Godo sapranno confezionare un prodotto decoroso. Però sono straconvinto che questa sera gli appassionati di baseball, i telespettatori, avrebbero gradito godersi il fantastico duello Matos – Cruz sul monte di lancio, e avrebbero gradito ammirare l’appassionante sfida fra Peppe Mazzanti il re dei battitori e il mitico Claudio Liverziani che lo tallona. Avrebbero voluto vedere il fuoricampista Richard Austin e la classe di Luis Ugueto che sta diventando l’uomo in più del Nettuno (e potrebbe essere il personaggio-chiave nei playoff). Ai telespettatori sarebbe piaciuto vedere anche due grandi catcher come Juan Pablo Angrisano e Vincent Parisi, i più bravi del campionato dopo il grossetano Kelli Ramos. Per non parlare poi del talento del giovanissimo Renato Imperiali…

Trittico da vivere con il fiato sospeso in gola, questo dello Steno Borghese. La Fortitudo che ha dettato legge per mesi arriva a questo scontro non più con 5 lunghezze di vantaggio, ma con 3. Rischio. Cosa accadrebbe se il Nettuno facesse l’en plein? Raggiungerebbe i bolognesi in cima, anzi virtualmente sarebbe primo il Nettuno per migliore differenza nei confronti diretti. Sarebbe un clamoroso colpo di scena. Ma poi nell’ultimo week end per Nettuno ci sarà la delicatissima trasferta di San Marino,mentre la Fortitudo Bologna riceverà un Rimini che potrebbe essere ancora in corsa per i playoff (e in tal caso agguerritissimo) oppure potrebbe essere già “fuori”.

Rimini-Grosseto era, in alternativa a Nettuno-Bologna, la seconda sfida della settimana per ordine d’importanza. Un trittico di grande pathos. Entrambi sono club di notevole prestigio. Rimini vive “drammaticamente” queste ultime sfide, rischia fra due settimane di essere fuori dalla scerna del campionato (clamoroso, la squadra di Manny Alexander, di Gustavo Martinez, di Mario Chiarini, Amaury Garcia, e di quel Juan Melo che avrebbe dovuto fare grandi cose e… non le ha fatte). Ma anche il Grosseto non si sente al riparo, non è ancor al sicuro, e stiamo parlando dei Campioni d’Italia!

San Marino in questa volata per un posto nei playoff (solo due posti per ora sono già attribuiti, alla Fortitudo e al Nettuno, mentre per le altre due posizioni sono in lotta quattro squadre) giocherà tutte le sue carte. Nel senso che i Titani hanno recuperato la settimana scorsa il catcher Matamoros e da stasera a Ronchi dei Legionari ripresenteranno Juan Figueroa. Finalmente guarito.
Particolare curioso: San Marino in gara1 utilizzerà tre lanciatori stranieri. Manager Bindi affiderà la partenza a Horacio Estrada, Figueroa sarà il rilievo e Brian Looney il closer.
Se il San Marino (contro il Redipuglia ultimo, e privo dello squalificato Baez) o il Parma (contro Godo) faranno tripletta, il Rimini sarà costretto a fare altrettanto contro i micidiali battitori di Grosseto. Ai Pirati infatti non basterebbero neanche due vittorie: il loro distacco dal quarto posto salirebbe a -4 quando mancherebbero poi soltanto tre partite alla fine della regular season.
Ecco perché Rimini-Grosseto mi pareva più interessante, più intensamente drammatica di Parma-Godo.
Nella Casa dei Pirati non ci sono le condizioni per poter fare delle buone riprese televisive? E’ così anche per il “Falchi” di Bologna. E allora, la FIBS lo dica. Apertamente. Sarebbe un chiaro messaggio rivolto alle Società e soprattutto alle Amministrazioni Comunali.
Ma si sa che soltanto lo “Jannella” di Grosseto e lo “Steno Borghese” di Nettuno sono stadi a norma. Gli altri no. E’ bene che qualcuno si svegli se vuole che nella propria città ci siano partite dei Mondiali 2009.

IL PROGRAMMA

In campo giovedì 17 luglio – ore 21 Danesi Nettuno-Fortitudo Bologna (lanciatori stranieri) Rangers Redipuglia-T&A San Marino (lanciatori stranieri) Telemarket Rimini-Montepaschi Grosseto (lanciatori stranieri) Cariparma-De Angelis Godo (lanciatori stranieri, dalle 21,30 diretta su Rai Sport Più)
In campo venerdì 18 luglio – ore 21 Danesi Nettuno-Fortitudo Bologna (lanciatori italiani) Rangers Redipuglia-T&A San Marino (lanciatori italiani) Telemarket Rimini-Montepaschi Grosseto (lanciatori italiani) Cariparma-De Angelis Godo (lanciatori italiani)
In campo sabato 19 luglio – ore 21 Danesi Nettuno-Fortitudo Bologna (lanciatori di scuola italiana) Rangers Redipuglia-T&A San Marino (lanciatori di scuola italiana) Telemarket Rimini-Montepaschi Grosseto (lanciatori di scuola italiana) Cariparma-De Angelis Godo (lanciatori di scuola italiana)
Classifica: Bologna 806 (29-7); Nettuno 722 (26-10); Grosseto 639 (23-13); Parma e San Marino 583 (21-15); Rimini 500 (18-18); Godo 139 (5-31); Redipuglia 028 (1-35)


Azioni

Information

2 responses

18 07 2008
Ben Wrightman

Caro Roveri, mi sfugge una cosa. Invece di scrivere, come del resto fanno oltreoceano, di record da battere, di medie, di storie parallele o di storie che sono passate per questo e per quell’altro diamante, qui come in un sacco di altri spazi, non si fa altro che scrivere contro questo e contro quest’altro. Che si è fatta una cosa piuttosto che un’altra.

Ma provi a scrivere di BASEBALL !!!

Grazie e buon lavoro

18 07 2008
Maurizio Roveri

L’hai detto tu, Ben Wrightman, ti sfugge una cosa. Ti sfugge che se c’è in Italia (e non da un giorno, ma da anni) un giornalista che scrive di baseball e cioè di baseball “vero” (intendendo commenti tecnici alle partite, opinioni, statistiche, storie, personaggi da proporre, interviste), ebbene quel giornalista sono proprio io. Non siamo in tanti a portare avanti questo tipo di lavoro. Pertanto, non so che cosa tu sia abituato a leggere. Mi sforzo di presentare il baseball in una certa maniera, di proporlo sotto un aspetto positivo, dando ampio spazio ai personaggi e alle opinioni tecniche: lo faccio sia sul mio sito (Doubleplay) sia su BaseballItalia, sito al quale collaboro come “prima firma” della IBL. Mettendo la mia professionalità al servizio del baseball e dei lettori.
Mi piace in particolare raccontare le partite mettendo in primo piano – attraverso gli articoli – i personaggi. Chè poi queo che ho fatto per 34 anni scrivendo de basket più grande d’Italia e in certi momenti d’Europa in un importante quotidiano sportivo nazionale.
Mi piace esprimere opinioni tecniche (conosco il baseball dal 1969…), mi piace raccontare delle storie. Mi piace essere propositivo, è il mio modo di interpretare il giornalismo. E credo che sia giusto così. Tuttavia, quando ci sono situazioni strane o delicate o che ritengo sbagliate, le approfondisco. A costo anche di accendere una polemica.
Vedi, io non sono particolarmente amante della polemica. Non sono quello che vuole creare a tutti i costi un “caso” (chi mi conosce apprezza i mio equilibrio e la mia onestà). Però, a volte, certe cose vanno dette e in maniera chiara. Perchè anche questo è il compito di un buon giornalista.
Pertanto, ti invito a “leggere” meglio quel che normalmente scrivo. E di baseball sto scrivendo tanto. Con l’unico obiettivo di fare qualcosa di utile per aiutare questo sport a diffondersi di più in Italia. Ovviamente non pretendo che tutti siano sempre d’accordo con le mie opinioni (sarei presuntuoso e stupido…). Spero però che il mio impegno sia apprezzato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: