Alessandro Maestri perde la sua prima partita in Doppio A, ma lancia 6 inning (confezionando cinque strikeout)

4 07 2008

di MAURIZIO ROVERI

Seconda partita di Alessandro Maestri in Doppio A, e prima sconfitta. Utilizzato nuovamente da lanciatore partente sul monte dei Tennessee Smokies, contro i temibilissimi Huntsville Stars, il ragazzo romagnolo ha concesso i 4 punti con i quali gli Huntsville Stars hanno vinto la partita. Analizzando le statistiche, tuttavia, si ha la sensazione che la prestazione di Alex sia stata migliore – dal punto di vista tecnico – rispetto a quella del debutto in Double-A di alcuni giorni fa. In quella occasione, in trasferta, Maestri fu il partente, fece cinque inning, Tennessee perse ma il pitcher perdente venne considerato Downs.

Stavolta Maestri è stato tenuto sul monte per 6 inning e ha subìto punti soltanto alla quarta e alla sesta ripresa: due punti ogni volta, su fuoricampo. Vale a dire che in quattro inning su sei Alessandro ha messo a tacere i forti battitori di Huntsville, formazione che gode di grande considerazione: si dice che diversi suoi giocatori siano “prospetti” da Major League. Huntsville ha anche buoni lanciatori, poichè Tennessee ha battuto appena 3 valide.

Le statistiche di Maestri in questa partita: 6 inning, 5 strikeout, 1 base su ball, 6 battute valide, 4 pgl.
A parte gli episodi dei due fuoricampo, io ritengo che siano “numeri” apprezzabili considerando che Alessandro (appena ventitreenne, ha compiuto i 23 all’inizio del mese scorso) è un debuttante in Doppio A. Dove è arrivato da una decina di giorni, chiamato all’improvviso, proveniente dai Daytona Cubs di Singolo A Avanzato.
Nessun italiano – è bene ricordarlo – si era ma spinto così in alto. L’impatto per un lanciatore è stato tutt’altro che soft: dapprima una partita in trasferta, poi il confronto con una squadra di battitori particolarmente pericolosi.
Maestri non è arrivato ai Tennessee Smokies come tappabuchi, “pescato” dal club di categoria inferiore per far numero (avendo gli Smokies perso il loro miglior pitcher, passato in Triplo A). No, Maestri qui è il “partente”. Debuttante e titolare, nella squadra di Doppio affiliata ai Chicago Cubs. Una partita da 5 inning e un’altra da 6. Significa che l’Organizzazione dei Cubs lo tiene sotto controllo e sotto pressione, punta su di lui, lo vuole verificare.

Non importa se i risultati di queste due partite non sono stati propriamente felici. Un ragazzo di appena 23 anni, che debutta in Doppio A, viene visto e valutato immaginandolo in un’ottica-Major League. Cioè si valuta se ha le potenzialità (tecniche, fisiche, caratteriali) per essere un potenziale lanciatore di MLB. E se si valuta che abbia le risorse e i margini di miglioramento per arrivare un giorno fin lassù, insisteranno su di lui.

Di sicuro Alex Maestri ha una bella palla veloce. Cinque strikeout al debutto, altrettanti li ha confezionati contro una formazione temibile nel box di battuta. Una sola base su ball: significa che il ragazzo di Viserba, cresciuto nei Torre Pedrera Falcons, ha anche controllo. Subisce qualche “stampone”? Forse è normale per un debuttante a questi livelli, che già sono livelli alti. E’ possibile che debba imparare a lanciare “palle sporche”. E’ qui per questo, per imparare. Per crescere ancora.


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: