IBL, il personaggio: Filippo Crociati diventa bomber, avvio di stagione da 375 nel box di battuta. Un messaggio per il Grosseto…

21 05 2008

di MASSIMILIANO MUSSONI

Prima di lui, in attacco, c’è soltanto un ‘certo’ Manny Alexander. Che non è nemmeno troppo distante (.383 di media battuta contro .375). Insomma, non si può certo dire che non sia iniziata alla grande la stagione di Filippo Crociati, tra i protagonisti assoluti anche nello scorso week end contro il Godo, chiuso con un ottimo 5/11 nel box, con 3 rbi e un fuoricampo.

“Sto attraversando un periodo nel quale mi sento molto bene – ammette l’esterno della Telemarket Rimini – e penso che ciò sia dovuto al fatto che ho continuato a lavorare per tutto l’inverno, senza fermarmi mai. Sono contento, adesso spero soltanto di continuare così. Lo scorso anno ero partito male e ho finito in crescendo? E’ tutta una questione di forma: mi sono impegnato tanto per farmi trovare subito pronto in questa stagione. Fisicamente sono a posto, anche perché ormai ho imparato a convivere con i piccoli acciacchi”.

E alla Nazionale non ci pensi?

“La convocazione mi farebbe un gran piacere, non lo nego, ma non perdo il sonno se non arriva. A 33 anni non devo più dimostrare niente a nessuno”.

Veniamo al campionato: contro la De Angelis è arrivata una sconfitta inattesa…

“E’ vero, il nostro obiettivo era conquistare la tripletta e invece ci siamo dovuti accontentare di vincere soltanto due partite. In garauno eravamo partiti con lo spirito giusto ma abbiamo finito per sprecare troppe occasioni, pagandole poi carissime. Il Godo, comunque, non è una squadra così scarsa come si pensa, anzi, ha diversi elementi davvero interessanti. E poi, contro di noi, dà sempre il massimo. Peccato, perché il ko di giovedì sera si va ad aggiungere a una lunga lista di rimpianti stagionali. In un campionato così corto, comunque, bisogna stare molto attenti, perché può bastare anche una sola sconfitta per ritrovarsi fuori dai giochi che contano, e noi ne sappiamo qualcosa”.

Ma cosa manca ai Pirati per fare il salto di qualità?

“La squadra c’è, e ha tutti i mezzi per competere con le prime. Il gruppo, in particolare, è molto unito e compatto. Diciamo che dobbiamo ancora ingranare sotto certi aspetti, soprattutto nel box, dove possiamo fare molto di più. Ma non penso che manchi tanto per vedere la vera Telemarket”.

Da venerdì sotto col Grosseto. “Mi aspetto una Montepaschi arrabbiata e desiderosa di vendicare le tre sconfitte subite contro Bologna. Ecco perché la pressione sarà tutta sui toscani che, ne sono certo, daranno l’anima per batterci. Da parte nostra, andremo là con un solo obiettivo: vincere. E’ ora di dare una svolta alla nostra stagione”.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: