IBL, Fortitudo pazzesca: tripletta a Grosseto, 44 valide, 26 punti, 3 homerun (2 consecutivi di Bautista), 1 triplo, 8 doppi

18 05 2008

di MAURIZIO ROVERI

Impressionante Fortitudo. Clamoroso sweep, ai danni dei campioni d’Italia. La performance firmata dalla squadra bolognese allo stadio “Roberto Jannella” di Grosseto è di quelle destinate alla storia. Una dimostrazione di tecnica, di forza, di solidità mentale, di organizzazione, di personalità, di concretezza, da impallidire il pubblico dello Jannella. Facendo rimanere senza parole uno stordito Mazzotti e i suoi giocatori.
Fortitudo devastante e inafferrabile in questo magico week end che porta a quattordici la striscia di vittorie della banda di Marco Nanni e ne consolida il primato. I “numeri” parlano chiaro, più di qualunque commento: 26 punti segnati; 44 battute valide (17+12+15); 25 RBI; 3 fuoricampo (2 Bautista, 1 Gasparri), 1 triplo (Austin) e 8 doppi (3 Connell, 2 Bautista, 1 Mazzuca, Austin, Angrisano); 2 soli errori difensivi e 4 “doppi giochi”.
Indubbiamente un trittico fra i più esaltanti della Fortitudo Bologna in questi anni.


Dopo avere frastornato il Montepaschi in gara1 con quella partenza aggressiva e potente che ha tolto il respiro a Mikkelsen (un “maestro del lancio” come Mikkelsen costretto a concedere 9 valide e 6 punti in 5 inning ha dell’incredibile…) nella sfida del venerdì notte, dove Grosseto non è mai stato in partita, la Fortitudo ha orgogliosamente vinto in rimonta gara 2 abbattendo al 12° inning la resistenza dei maremmani i quali avevano condotto la partita fino all’ultimo attacco bolognese per poi farsi raggiungere e crollare alla terza ripresa supplementare. E nel sabato notte maremmano la truppa diretta da Marco Nanni ha completato la tripletta, con un impatto ancora una volta imperioso sulla partita: 8 dei 9 punti li ha realizzati nei primi quattro assalti: Bautista (con due doppi), Pantaleoni, Mazzuca, Angrisano, Austin portavano dolorosi pugni allo stomaco di Luca Panerati, che con una smorfia di evidente disappunto doveva scendere dal monte già in apertura di terzo inning. La furia dei bombers biancoblù non si placava neppure su Emiliano Ginanneschi, che non poteva evitare il punto del 5-0 e veniva colpito duro alla quarta ripresa: singolo di Bonci, singolo di Bautista, singolo di Mazzuca per il punto di Bautista. E poi, doppio di Austin che spingeva a casabase Mazzuca e Bautista per l’8-0.
Il Montepaschi, a differenza di gara1, aveva la forza di prodursi in una rabbiosa reazione. Al punto, quasi, di riaprire la gara. Quarto attacco maremmano: doppio di Ust, Jairo Ramos colpito, singolo di Kelli Ramos e punto di Ust. Volata di sacrificio di Ermini e Jairo andava a confezionare il punticino del -6 (2-8). Era soprattutto al quinto inning che il gruppo di Mauro Mazzotti s’illudeva, arrivando per tre volte a casabase: singolo di Dallospedale, triplo di Jorge Nunez per il punto di “Dallo”. Logica battuta di sacrificio di Avagnina per spingere Nunez a casabase. E sul singolo di Jairo Ramos, Avagnina riportava a galla il Montepaschi. Punteggio sull’8-5 per Bologna. Terminava la partita di Fabio Betto: l’esperto “partente” della Fortitudo è stato impeccabile per tre riprese, al quarto inning hanno cominciato a prendergli le misure e al quinto ha concesso qualcosa di troppo.
Saliva sul monte Alfredo Lopez Delgado, che veniva immediatamente tranquillizzato dal suo attacco che alla sesta ripresa produceva un altro punto: singolo di Pantaleoni, singolo di Mazzuca, doppio di Connell per il punto messo a segno dal giovane Alaimo (entrato a correre per Pantaleoni): 9-5. Sospiro di sollievo per manager Nanni e soprattutto per Alfredo Delgado, autore d’una prestazione pulita e sicura: in 4.2 riprese lanciate l’italocubano che viene dalla A2 ha confezionato 3 strikeout concedendo 1 base su ball, 3 valide e 1 punto. E risultando il lanciatore vincente. Finiva 9-6.
C’è stata gloria per tutti, nella Fortitudo, in questo straordinario trittico.
Un trionfo per Marco Nanni, che s’è preso il lusso di sconfiggere tre volte il suo maestro e amico Mazzotti. E probabilmente, guardando la classifica, Nanni starà stropicciandosi gli occhi. Magari chiedendo ai suoi fedeli collaboratori (il pitching coach Roberto Radaelli, i coach Claudio Vecchi e Fabio Frignani) se è tutto vero. Sì, Marco, è proprio vero: la tua Fortitudo sta volando, è in fuga, con la tripletta fabbricata a Grosseto ha raggiunto la quattordicesima vittoria consecutiva.
Un trionfo per Rayner Bautista: si conoscevano le sue caratteristiche di ottimo difensore (era fondamentale quest’anno avere, al centro del diamante, un interbase affidabile), ma ora tutti scoprono le sue potenzialità anche come battitore. Il dominicano in questo trittico ha prodotto una performance sensazionale. Rimarrà memorabile quel che è stato capace di fare sabato pomeriggio nella gara finita agli extrainning. E’ stata proprio la sua mazza a fare la differenza con due homerun consecutivi: alla decima ripresa spedisce la pallina fuori sulla sinistra per firmare il 3-2, primo vantaggio bolognese (dopo il pareggio dei biancoblù al nono inning). Il Montepaschi riporta in parità la gara con la prodezza di Kelli Ramos. Ma Bautista è “caldo”, è lì in agguato, fissa negli occhi il pitcher avversario Leonardo D’Amico e gli stampa in faccia un altro fuoricampo, al 12° inning. Per il 5-3. Punteggio che Bologna poi arrotonderà con un singolo da 2 punti di Manuel Gasparri sul nuovo lanciatore, Dave Preziosi. Le cifre di Rayner Bautista nel trittico: 7 su 16 nel box di battuta (media 438), 4 punti battuti a casa, 2 doppi, due fuoricampo.
Un trionfo per Manny Gasparri, il grossetano ripudiato che aspettava il momento per vestirsi di luce tornando da “nemico” nella sua città: si è esaltato con un grande homerun da 3 p. sulla sinistra in gara1. Per lui, alla fine, 7 punti battuti a casa.
Un trionfo per Martin Vargas, coinvolto e responsabilizzato dal suo manager, lanciato in mischia come pitcher partente in gara1 (quando tutti si aspettavano Matos…) ed è stata la mossa vincente. Felicissima intuizione di Nanni, ma bravo anche lui – Vargas – che non ha mai concesso al Grosseto d’essere pericoloso e ha infastidito con i suoi lanci sottomarini Jairo Ramos e compagni. Matos è salito al 7° sulla collinetta, andando a guadagnarsi la “salvezza”.
Un trionfo anche per Lino Connell, che sta mettendo tutta la sua sapienza al servizio del gruppo e merita l’etichetta di “mister utilità”: 7 su 13 in battuta, 2 doppi, 3 punti battuti a casa. Con la solita sicurezza difensiva, destreggiandosi fra prima base e seconda base.
Una conferma importante da parte di Richard Austin, un triplo e un doppio. E 5 punti battuti a casa.
E il sorriso di Alfredo Delgado, che ha vinto la partita del sabato notte. Il primo successo della sua nuova avventura in biancoblù (aveva giocato per la Fortitudo, come straniero, nel 2000 e 2001). Sorride anche Fabio Milano che, pur con qualche brivido, chiude da lanciatore vincente l’estenuante battaglia di gara2. Chris George, due inning fra il partente Cillo e il closer Milano, non ha subìto punti e rimane (dopo cinque trittici di campionato) ancora a 0 di PGL.
Senza dimenticare le belle cose di Pantaleoni, Angrisano e Mazzuca. Le battute di sacrificio di Landuzzi, le battute utili di Bonci.
Il Montepaschi campione d’Italia ha avuto problemi sul monte di lancio, dove soltanto Yovany DAmico (partente di gara2) si è dimostrato all’altezza della situazione. Nel box decisamente sotto tono Davide Dallospedale (1 su 10) e Andrea Sgnaolin (2 su 13). Poco incisivo anche Bischeri. Per quanto riguarda il new entry, il belga-inglese-americano Brant Ust, ha prodotto un fuoricampo e un doppio. Debutto da valutare in modo positivo, seppure la media battuta (3 su 14) indicherebbe una certa discontinuità.
Grosseto ha toppato decisamente gara1. Nelle altre due partite s’è battuto con orgoglio ma ha trovato sulla sua strada una Fortitudo solida, sicura, efficace. Che non perde mai il controllo. E che in questo momento ha equilibri migliori e vive un periodo magico, pur con un Liverziani (in recupero da uno strappo muscolare) a mezzo servizio e un Frignani indisponibile.

I risultati della quinta giornata
MPS Grosseto – Fortitudo Bologna 0-3 (1-10; 5-7*; 6-9) * al 12°
Cariparma – T&A San Marino 2-1 (3-2; 13-8; 5-9)
Telemarket Rimini – De Angelis Godo 2-1 (1-3; 6-0; 6-1)
Rangers Redipuglia – Danesi Nettuno 0-3 (2-6; 0-10*; 0-6) * al 7°

La classifica
Bologna 933 (14-1)
Nettuno 733 (11-4)
Grosseto 667 (10-5)
Rimini 600 (9-6)
San Marino 533 (8-7)
Parma 467 (7-8)
Godo 067 (1-14)
Redipuglia 000 (0-15)


Azioni

Information

11 responses

18 05 2008
Wadi

…e fra poco avremo anche Matteo D’Angelo…

3-0 a Grosseto grande vittoria, da dedicare a Robert Fontana.
Domani è il secondo anniversario della sua scomparsa.

18 05 2008
stefano

Gran bella squadra la Fortitudo!
Forse il Grosseto ha “regalato” gara 2, ma la grande squadra è quella che non perdona il minimo errore!
Credo che gli manchi un lanciatore o 2,a parte il ritorno di D’Angelo, personalmente non credevo che Lopez Delgado riuscisse a vincere sull’ 8-5 al 5° e invece l’ ha portata bene finio in fondo.
Mi sa che il Grosseto invece dopo la tripletta al Nettuno pensasse di essere imbattibile, e questi 3 schiaffi dovranno riportare sulla terra la Banda Mazzotti, dove ci sono infortunati di lusso tipo Oberto (che forse paga la stagione scorsa dove gli tirarono il collo per il bullpen corto), Marval (che, secondo me , ha un’ infortunio più serio, se no non prendevano Ust per via della Coppa) e De Santis.
Stupisce la forma di Dallospedale, che ieri sera ho visto fare una cosa che mi ha fatto infuriare: su un texas dietro la seconda ha rinunciato a correre sulla palla, lasciandola agli esterni, ma era lui il più vicino, almeno ci doveva provare: dal seconda base della Nazionale ci si aspetta di meglio!

18 05 2008
TRENTATRE

SI PRESCRIVE PER MAURO MAZZOTTI UN TUBO DI PREPARAZIONE H UNGUENTO.

18 05 2008
COLONNELLOBERNACCA

Fra venerdì e sabato si è abbattuto su Grosseto l’uragano Fortitudo, con epicentro lo stadio Jannella. Trattasi di fenomeno atmosferico improvviso e violentissimo che sconvolge tutto e tutti e se ne va lasciando solo rovine dietro di se’.
Particolarmente danneggiate le medie PGL dei lanciatori.
Il Governo sta considerando l’idea di considerare lo Jannella “zona disastrata”.
L’uragano Fortitudo si manifesta con grandinate di battute valide e con una tambureggiante pioggia di punti, oltre che con fulmini a ciel sereno di marca Dominicana. Da segnalare che le previsioni meteorologiche parlavano di “piogge intermittenti”. Alla faccia dell’intermittenza!
Dal satellite meteo si sta seguendo il fenomeno e pare che l’uragano Fortitudo si stia dirigendo a nord. E’ atteso, fra venerdì e sabato, al Gianni Falchi di Bologna.
Sarà un’altra TEMPESTA PERFETTA?

18 05 2008
D G Grosseto

Per il giudizio sul debutto di Ust non sono d’accordo.Molto lento,macchinoso
braccio mediocre,la battuta su di lui data valida a Bonci sarebbe stata una
facile eliminazione ,con la sua lentezza di gambe ha impedito due doppi giochi abbastanza semplici.
Se non è in ritardo di preparazione ed il giocatore è questo sono soldi
sprecati.Non ha battuto una palla a terra solo volate la maggior parte
delle quali facili prede degli esterni.E’ stato schierato interbase in tutte
e tre le partite può darsi che in un altro ruolo renda meglio,ma l’impressione
che mi ha dato è stata decisamente negativa.
Per le prossime tempeste cercheremo di aggiustare gli ombrelli,quelli
che venerdi e sabato avevamo rotti ( Marval,Oberto,Riccardo De Santis
Ermini,Panerati reduce da due settimane di morbillo)poi vedremo se questi reggono………..

18 05 2008
cuche

Che goduria.

18 05 2008
Nat

Complimenti ai ragazzi!

18 05 2008
gideon12

Grande Colonnello Bernacca!!!! Molto Divertente.
Grandi ragazzi!!!! E ora sotto con il Nettuno!!!!

My Website: http://grandeslam.wordpress.com/

19 05 2008
Alfredo

State calmi con il sotto col Nettuno che poi quando si cade ci si fa male……
Complimenti: avete fatto una grande prestazione in casa del Grosseto, che forse aveva gia creduto di avere il Campionato in tasca dopo le 3 vittorie a Nettuno. Questo dimostra la mia tesi che in questo Campionato RIDICOLO si gioca troppo poco e tutte le squadre rischiano (anche le più forti).
Venerdi e sabato saranno 3 partite di grandi emozioni come quelle degli anni 70, noi verremo a Bologna consapevoli della vostra forza, ma consci anche della nostra quindi… W il Baseball. Questo è il vero DERBY D’ITALIA.
P.S.
Solo un piccolo rammarico, peccato che il nostro tecnico sia ancora costretto a dirigere la squadra con il telefonino….chi conosce il Baseball sa che in queste partite ogni episodio può cambiare l’andamento. Grazie Signori Arbitri,se non volete più proteste o polemiche,non fate sport, fate Teatro……

19 05 2008
Stefano

Ma sì!
Facciamo a meno degli arbitri!
Come in Serie C dove si fa arbitrare uno dei manager, perchè l’ arbitro non c’ è mai……..

19 05 2008
gideon12

Proprio vero Alfredo, venerdì vedremo del bel baseball!!! E che vinca il migliore!!!

My Website: http://grandeslam.wordpress.com/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: