“Idee per una nuova FIBS”, dal sito di Tonino Micheli candidato alla Presidenza

22 04 2008

Abbiamo pubblicato, ieri, un’intervista realizzata dal giornalista Giorgio Gandolfi ad Antonio “Tonino” Micheli candidato alla presidenza della Federazione Italiana Baseball Softball. Micheli, 62 anni, è personaggio che ha dedicato 50 anni della sua vita allo sport della mazza e del guantone. Mezzo secolo sui diamanti, in parte quelli di baseball e in parte quelli del softball. Ecco perché la sua candidatura è principalmente una scelta affettiva. Dice infatti: “Chi mi conosce sa che per anni ho dedicato al baseball, come giocatore, e al softball come tecnico e dirigente, le mie migliori energie e tutta la mia passione di uomo. Oggi, a 62 anni, con un cinquantennio di carriera sportiva sulle spalle, ho ancora voglia di mettermi in gioco. Una nuova battaglia? Se battaglia vogliamo chiamarla, sarà quella dell’essere contro l’apparire”. Tonino Micheli tiene un blog (http://antoniomicheli.wordpress.com), dal quale abbiamo ripreso uno degli ultimi interventi. Che porta per titolo: Idee per una nuova Federazione. Ve lo proponiamo:

“Qualcuno questo sport lo chiama “buffball”, con aria di scherno, salvo poi tornare alla definizione di “softball” quando gira il vento e l’occasione si fa importante (metti: una tornata elettorale). Allora diventano tutti sostenitori, guardateli: tutti là a promuovere, a rilanciare, a pubblicizzare iniziative sulle bacheche telematiche. Anche il “colore” della faccenda cambia, e dal tipico grigio smorto prende i toni più vivaci del verderosa…
I soliti numerologi di cui abbiamo già parlato. Come se il problema del ritorno allo sport da parte di una sezione determinante del corpo sociale (i “giovani”, che parola fastidiosa) fosse una semplice questione di statistiche, di equazioni non troppo complicate, che imposti due parametri e – voilà – les jeux sont faits.
Il problema, per gli abili croupiers che gestiscono il tavolo del softball, sembra proprio questo “chiudere i giochi”, tappare la discussione, quadrare i conti, oscurare la contestazione. E’ certo una bella metafora, anche se i nostri bravi croupiers non disdegnano qualche incursione nel lato pratico delle cose, e ci dimostrano che tante volte, per “chiudere i giochi”, basta non qualificarsi, senza conseguenze per nessuno. Ma parlo chiaramente di un altro genere di Giochi…
Les jeux sont faits sembra il motto, serenamente disfattista, dei nostri amici numerologi. Dimenticano il resto della frase, purtroppo, mezzi croupiers e mezzi censori: rien ne va plus. Perché il “giovane” (definizione odiosa, lo ripeto) non è un’entità matematica o un carrarmato del Risiko, che lo prendi, lo sposti come vuoi, dentro un diagramma o un calcolo a piacere. Non è un’unità di computo, ma una persona libera di preferire, per esempio, un pomeriggio al computer a una giornata sul campo. E sempre di più questi giovani a cui tutti pensiamo (quanto ci piace mostrarci preoccupati) sui campi non ci vanno. Rien ne va plus, appunto. Ma è colpa loro?

Nel mio pragmatico idealismo (quello di chi ha passato una vita a competere contro le sottigliezze dei numerologi, occupandosi più del “gioco” che delle quadrature statistiche) ho immaginato uno scenario alternativo in cui la Federazione prendesse a considerare i giovani per quel che sono, contestualmente alla persona, agli interessi, alla famiglia, alla voglia di esprimere valori anche sportivi. Ho pensato insomma a una Federazione capace di favorire le società che forniscono ragazzi allo sport, ma in cui i ragazzi possano comprendere che lo sport è soprattutto per loro. Ho immaginato il ritorno a una “cultura dello sport” che non si limita a registrare trionfalmente le adesioni. Perché, anche se fosse realmente trionfante (cioè se i numeri fossero veri), quella non sarebbe una cultura dello sport, ma una “ragioneria dello sport”, più vicina al ronzio dei computer che al fischio della palla.

“Cultura dello sport” implica il coinvolgimento delle famiglie, il dialogo, tutto ciò che è insomma organizzazione non solo di “squadre” ma di “società”. 15-20 ragazzi e alcuni genitori con incarichi dirigenziali fanno una società: svincoliamo queste società dalle tasse d’iscrizione e dalle tasse di gara, promuoviamo aiuti di ordine fattivo, sosteniamole. E’ determinante riuscire a scavalcare quel limite del 30 giugno assieme alle famiglie, per continuare i progetti intrapresi; far giocare i ragazzi (e – perché no? – anche i genitori), restituire loro il senso di appartenenza a un gruppo, a una squadra. Facilitare e premiare le realtà che riescono nell’intento. Per far questo abbiamo bisogno Per abbagliarci, qualcuno ha già tirato fuori l’armatura scintillante da cavaliere senza macchia. di persone capaci e motivate, dato che si tratta di ripartire da una base solida e non, come i distratti croupiers di cui sopra, dalle vette ideali di una grandezza ad oggi impalpabile. Abbiamo ricevuto fin troppe “pacche sulle spalle” per non renderci conto che quella grandezza è nociva ad uno sport che deve risollevarsi. Serve un senso della dimensione, nelle cose piccole, come nelle grandi (Major League e Accademia, massima attenzione ai prospetti: dovremmo cercare di rapportare le spese alle reali esigenze di sviluppo, attraverso una più misurata gestione delle risorse). La resistenza è molta, gli ostacoli posti dalle illusioni di grandezza paiono quasi insormontabili: la serie B e la serie C vanno languendo, ma chi si è posto il problema? Arso nella luce suprema dei Grandi Progetti? Può darsi. Del resto è l’anno delle Elezioni, ma sembra un medioevo. Che è vuota, come tutte la armature”.

Tonino Micheli

Annunci

Azioni

Information

One response

23 04 2008
Paolo Castagnini

Quello che vorrei chiedere a Micheli è in concreto che cosa farebbe per risollevare l’attività giovanile. In sostanza condivido quando parla di coinvolgimento delle famiglie, dei ragazzi che passano il loro tempo davanti a TV e play station, ma in pratica cosa farebbe? Togliere la tassa d’iscrizione delle squadre giovanili? sono 10 euro….. Togliere la tassa gara? 25 euro a partita… Togliere come una volta la tassa per il cartellinamento? 8 euro… In totale circa 330 euro per una squadra giovanile di 15 ragazzi.
Mi sembra pochino come stimolo per una società che vuole fare più attività giovanile. Direi che l’attuale gestione federale offre di più visto che assegna un borsone di materiale a chi iscrive una squadra in più, del valore sicuramente superiore ai 330 euro.
Credo che il problema sia invece di più difficile soluzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: