Torneo delle Accademie: bene gli azzurrini

20 03 2008

“E’ stata un’esperienza molto positiva, che senz’altro si ripeterà”.
Il responsabile della Major League International per il Players Development, Jason Holowaty, ha salutato così i 96 giocatori che hanno partecipato a Tirrenia al Torneo delle Accademie.
“Non è tanto importante chi ha vinto” ha spiegato Holowaty “Perchè lo scopo di questo torneo era darvi la possibilità di giocare”.
Il manager americano ha concluso con una raccomandazione: “Informatevi bene su quando ci sono i ‘try out’ per partecipare all’Accademia Europea MLB di agosto. Vi vorremmo vedere tutti in quella occasione”.
Se è vero che il risultato non è la prima preoccupazione in queste occasioni, va comunque salutato con soddisfazione il ‘percorso netto’ della selezione italiana, composta dai 16 residenti della FIBS Academy e rinforzata da atleti sotto osservazione per la nazionale Juniores e la selezione Under 21, oltre che da 3 dei 12 giocatori svedesi coinvolti nel torneo.
La squadra guidata dal manager della nazionale maggiore Marco Mazzieri ha battuto la Germania (15-0 e 5-3), la Francia (8-4 e 7-3) e l’Olanda (3-0 e 4-1).
Dietro gli azzurrini si è piazzata la Francia (3-3), che ha preceduto l’Olanda (2-4) e la Germania (1-5).

“Abbiamo giocato il baseball che piace a me, lancio per lancio sempre concentrati” ha spiegato Marco Mazzieri “E’ stata una bellissima esperienza”.
Il Responsabile Tecnico della FIBS Academy, Bill Holmberg, non ha voluto sentire toni trionfalistici per queste 6 vittorie: “Questo è un bel gruppo, che però ha ancora tanta strada da fare. Diciamo che siamo riusciti a mettere questi ragazzi sulla carreggiata giusta”.

Il Presidente Federale Riccardo Fraccari è apparso raggiante: “E’ significativo che la Major League Baseball ci consideri un punto di riferimento, questo ci gratifica davvero tanto. Così come mi soddisfa in pieno vedere i nostri ragazzi tenere il tanto con tanta personalità. Questo successo non consegna allori, ma certo è una bella soddisfazione e il segnale che siamo sulla strada giusta”.

Unica nota negativa del torneo per la selezione italiana è l’infortunio al ginocchio patito dal giovanissimo (classe 1993) Milvio Andreozzi. Il ‘prospetto’ nettunese è tenuto sotto osservazione dai sanitari della FIBS Academy, ma una diagnosi precisa sarà possibile solo tra qualche giorno.

Prima di dare il ‘rompete le righe’ la Major League Baseball ha consegnato una serie di riconoscimenti individuali.
“Non necessariamente” ha spiegato Jason Holowaty “Si tratta del battitore con la miglior media o del pitcher con il minor numero di punti guadagnati. Semplicemente, sono giocatori che hanno impressionato per il loro talento”.
I premiati sono:

lanciatori Oscar Carlstedt (1991 Svezia, destro) e Scott Ronenberg (1992, Olanda, mancino)
ricevitore Ashwin Rox (1990, Olanda)
interni Norbert Jongorius (1991, Olanda), Francesco Cozzolino (1991, Italia), Maxime Lefevre (1991, Francia), Alex Sambucci (1989, Italia)
esterni Max Kepler Rozicky (1993, Germania), Larry Shawn (1991, Germania), Carlos Tavares Castro (1991, Olanda)

La logistica della manifestazione è stata coordinata dal responsabile MLB per l’Italia Dan Bonanno di concerto con la direzione della FIBS Academy.

Advertisements

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: