Giovanni Carrara di nuovo alla Danesi

7 03 2008

di MAURIZIO ROVERI

Ha scelto di tornare a Nettuno. Per essere di nuovo protagonista. Per “fare la differenza”. Giovanni Carrara, ora utilizzabile da oriundo sul monte di lancio, può davvero essere l’uomo in grado di spostare gli equilibri nel prossimo campionato di A1. Da pitcher straniero, l’anno scorso, ha trascinato la Caffè Danesi portandola a sfiorare lo scudetto nella serie finale con Grosseto. Naturale pensare che la sua presenza “dominante” possa avere un peso ancor più rilevante in questo 2008: sulla carta, in gara2 un personaggio di questo spessore non dovrebbe avere rivali (almeno a livello di 5-6 inning). E poi, Carrara utilizzato da oriundo libera Fraylin Florian che recupererà i suoi spazi come pitcher straniero “partente” (e presumo che la dirigenza del club tirrenico gli affiancherà un affidabile secondo lanciatore extracomunitario).
Insomma, per i nettunesi l’italovenezuelano sarà – soprattutto quest’anno – l’uomo dei sogni.
Carrara ha detto no a proposte stimolanti, e indubbiamente gratificanti per un “grande vecchio” com’è lui. A quarant’anni (compiuti qualche giorno fa, il 4 marzo) poteva avere l’opportunità di rientrare clamorosamente nel mondo magico della MLB, dopo esserne uscito già trentottenne nel 2006. Il suo passato è prestigioso e parla di 10 stagioni, 313 partite e 472 inning lanciati nella Grande Lega statunitense, dal 1995, con le divise di Toronto, Cincinnati, Colorado, Los Angeles Dodgers, Seattle. Nessuno s’è dimenticato del suo nome, della sua carriera, della sua classe. Cosicché, quando nei mesi scorsi il vecchio drago ha confezionato una serie di performances tirando le sue “velenose” dalle collinette della Venezuela Winter League, diversi personaggi di quelli che contano hanno ripreso ad osservare attentamente l’ex-Dodgers. Accorgendosi che il robusto omone nato a Edo Anzoategui ha ancora un buon braccio e una palla pesante. E gli scout si sono messi in movimento. Dodici “partenze” per Carrara nel campionato professionale venezuelano, al servizio dei Cardenales de Lara: 58.2 riprese lanciate, 5 partite vinte e 1 soltanto perduta, per una media-PGL (eccellente a questi livelli) di 2.30. Prestazioni brillanti che hanno permesso a Giovanni Carrara di essere invitato dalle Tigres de Aragua e inserito nel roster del team che andava a rappresentare il beisbòl di Venezuela alle Caribbean Series. Ebbene, poco più di due mesi fa, il 4 febbraio, Giovanni Carrara lanciava cinque inning magistrali avvelenando la vita agli Yaquis de Obregon, messicani, impressionando tutti dentro l’estadio Cibao di Santo Domingo. Un giorno magico per il quarantenne venezuelano: 4 strikeout e nessun punto concesso nel 5-0 a favore delle Tigres.
E a quel punto, qualche proposta Carrara l’ha ricevuta. Poteva ripresentarsi allo Spring Training per tentare un clamoroso ritorno in Major League.
No, ha detto no. Il suo presente è l’Italia, è Nettuno. Ora Giovanni ha il doppio passaporto. Ha fatto parte, l’estate scorsa, della Nazionale azzurra. E orgogliosamente vuole ancora farne parte. L’origine italiana di Carrara è evidente dal nome. Suo padre era di Napoli. E’ morto una decina di anni fa, nel 1998, e proprio in Italia dov’era tornato per una visita ai parenti.
Pensate: Giovanni Carrara iniziò a prendere confidenza con la pallina da baseball, a maneggiarla e a fare i primi lanci, all’età di 6 anni. Vale a dire, 33 anni fa!
Nelle dieci stagioni di Major ha vinto 29 partite, perdendone 18. E nel 1998 ha anche vinto la Pacific League giapponese, con la squadra dei Seibu Lions.
Un giochino, a questo punto: prendete Florian (e un altro pitcher straniero) per gara1, Carrara oriundo in gara2, Carlos Richetti partente “italiano” in gara3, più le alternative rappresentate da Victor Arias, Carlos Pezzullo, Massimiliano Masin, Mauro Salciccia e (a fine giugno) dal recuperato Marco Costantini e… scoprirete un monte di lancio di altissima qualità.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: