L’espertissimo Juan Melo per Rimini

26 02 2008

di MAURIZIO ROVERI

Una stagione in Major League, con i San Francisco Giants nel 2000. E ben 14 stagioni nelle Minors, undici delle quali in Triplo A. Juan Melo indiscutibilmente è uomo di vasta esperienza e di notevole spessore tecnico. Dovrebbe essere una grande certezza per la Telemarket Rimini, che ne ha annunciato l’ingaggio. Un altro big va ad aggiungersi – nel gruppo dei Pirati – a Manny Alexander l’interbase che ha passato una vita nel mondo della Grande Lega statunitense.
Juan Melo (full name: Juan Esteban Melo) è un altro grande interprete di quel Paese che è diventato il principale fornitore di talenti alle Minors e alla Major League: vale a dire la Repubblica Dominicana. E’ nato a Bani (si proncunia Banì, la stessa città di Miguel Tejada un super della Major League, ex di Oakland e Orioles, ora a Houston) l’11 novembre  1976. Segno zodiacale Scorpione. Può essere utilizzato sia in terza base, sia in prima base. Proprio come Amaury Garcia, riconfermato nel diamante dei Pirati per il 2008. Giocatori duttili e per questo preziosi, indipendentemente dal notevole talento che possiedono.
Juan Melo batte e tira di destro. Da ragazzo si è formato baseballisticamente al Collegio Redentol di Bani. Il suo primo contratto professionistico lo ha firmato, come undrafted free agent, con i San Diego Padres nel 1990.
La carriera di Melo è lunga e intensa. Si tratta infatti di un giocatore che nelle sue tante stagoni in Minor League ha totalizzato più di 5000 turni alla battuta, più di 1500 battute valide, più di 100 fuoricampo, e più di 100 basi rubate.
In ordine cronologico ecco il suo percorso:
1994: all’età di 18 anni è interbase in rookie league e poi a Spokane, squadra di Singolo A, affiliata ai San Diego Padres
1995: gioca per Clinton in Singolo A (134 partite, con 135 battute valide)
1996: è appena ventenne e sale in Singolo A+, in California, sempre nel ruolo di interbase (128 gare, 153 valide)
1997: è l’anno di importanti salti di qualità, parte in Doppio A nella squadra di Mobile e arriva in Triplo con Las Vegas (sempre per l’Organizzazione dei Padres).
1998: stagione da 130 partite in Triplo A, ancora con Las Vegas.
1999, l’8 luglio i Padres lo cedono ai Toronto Blue Jays in cambio di Isabel Giron. E il 3 settembre passa dai Blue Jays ai Cincinnati Reds. Poi torna nel giro di San Diego. Cosicché, nella stessa stagione, gioca per tre squadre di Triplo: a Syracuse in terza base, a Indy in terza base e a Las Vegas interbase.
2000: anno magico. A gennaio firma per i New York Yankees, che a marzo lo scambiano con Wilson Delgado proveniente dai Giants. Juan Melo comincia la stagione in Triplo, a Fresno, ma il 2 settembre 2000 debutta – all’età di 24 anni – in Major League. Con la casacca dei San Francisco Giants. Utilizzato in seconda base. Undici partite, tredici presenze nel box, 077 di media battuta. L’avventura finisce il primo ottobre. Piccola parentesi in Major, ma lì ci è arrivato.
2001: è di nuovo in Triplo a Fresno (312 di media battuta)
2002: Triplo a Fresno
2003: gioca a Fargo nella Lega Indipendente (terza base)
2004: è con Quebec, Independent League (seconda base)
2005: comincia a Lancaster (Independent), poi passa a New Orleans in Triplo A (318 di media battuta)
2006: indossa le casacche di Colo e di Fresno (terza base e interbase).
2007: parte con St.George nella Gold League dell’Independent (23 partite, con 330 di media battuta), prosegue con Fargo (20 partite, 262 di MB) e chiude in Doppio A con Harrisburg (54 partite, 239 di media battuta, 346 di slugger).
Il totale di quattordici stagioni nelle Minors dice: 1385 partite, 5094 turni alla battuta, 689 punti segnati, 1454 battute valide (117 fuoricampo), 676 “punti battuti a casa”. Media battuta-vita 285. Media slugger 422.
Juan Melo, nelle settimane scorse, ha avuto poca fortuna nel box di battuta durante le 2008 Caribbean Series: 0 su 12. Tuttavia, ha fatto parte della squadra dominicana – le Tigres del Licey – che ha vinto il titolo.
Juan Melo è battitore esperto e affidabile, ma soprattutto è considerato ottimo difensore.
La formazione titolare della Telemarket Rimini guidata da Mike Romano: Matt Beech, Chris Di Roma (o Buddy Bengel) e Sandy Patrone i lanciatori partenti per gara1, gara2 e gara3. Ricevitore: Luis Serafin Camargo (che si alternerà con Spinelli). Prima base: Juan Melo. Seconda base: Jack Santora (che in una partita lascerà posto a Campanini o a Babini, oppure a Melo che potrebbe passare in seconda con l’inserimento in prima base di Clinton Balgera che è giocagtore considerato di “scuola” italiana). Terza base: Amaury Garcia. Interbase: Manny Alexander. Esterno sinistro Claudio Signorini, esterno centro Filippo Crociati, esterno destro Mario Chiarini. Battitore designato Luigi Carrozza.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: